Welcome, Guest Register



Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5



F1 2016 by Codemasters
Autore Messaggio
Nick72 Offline
Moderatore
*****

Messaggi: 2.221
Thanks Given: 0
Thanks Received: 145 in 125 posts
Registrato: Nov 2013
Reputazione: 8
Messaggio: #1
F1 2016 by Codemasters
F1 2016
Codemasters e Koch Media hanno annunciato che F1 2016 offrirà "la più immersiva modalità carriera mai vista all’interno del franchise".
F1 2016 sarà disponibile per PlayStation 4, Xbox One e PC (versione fisica e digitale su Steam) quest’estate.

[Immagine: 4uazwh.png]


La nuova modalità carriera di F1 2016 immergerà in profondità i giocatori nel motorspor sia all’interno che all’esterno della pista.
Nel gioco ci sarà l'aggiunta delle Safety Car e delle Virtual Safety Car e l'introduzione del nuovo circuito su strada a Baku, Azerbaijan, per il GP D'Europa F1 2016.

[Immagine: 2cy5qiw.jpg]


"F1 2016 è un grande passo in avanti per il franchise", ha dichiarato Lee Mather, Principal Games Designer presso Codemasters. "La nuova modalità carriera si trova nel cuore del gioco e permette ai giocatori di creare la propria leggenda nel corso di una carriera che può estendersi fino a dieci stagioni. Al di là dei miglioramenti sulla più veloce ed emozionante esperienza di guida in pista, F1 2016 offre in modo unico anche i retroscena dietro le quinte sullo sviluppo e le problematiche del veicolo. Un ricco sistema di aggiornamento è completamente integrato in un nuovo, profondo programma di pratica e sviluppo che rispecchia le prove effettuate dai team nella vita reale."

Mather continua: "La modalità carriera, insieme alla reintroduzione delle Safety Car, la prima inclusione del Virtual Safety Car e una serie di altri miglioramenti senza precedenti, fanno si che F1 2016 abbia il maggior numero di nuove funzionalità di qualsiasi altro titolo nel franchise."

[Immagine: xmo9hu.jpg]


Nella nuova modalità carriera i giocatori dovranno selezionare un avatar che li rappresenterà all'interno del mondo di gioco
e dovranno scegliere un numero che li accompagnerà attraverso la loro carriera.
Saranno liberi di scegliere uno qualsiasi dei team di Formula 1, che hanno ognuno obiettivi e aspettative differenti.
Può essere più difficile iniziare dal fondo della classifica, ma è più facile superare le aspettative del team.
I giocatori possono guadagnare contratti e passare da una squadra all’altra, o possono scegliere di sviluppare il loro team preferito nel corso del campionato.

[Immagine: t5q5hy.jpg]


Per completare l'esperienza in pista e per espandere il realismo della modalità Carriera, F1 2016 include aree hospitality per ogni squadra, che fungono da hub per il giocatore.
In questa zona potranno lavorare con i loro ingegneri di ricerca e sviluppo ed i loro Agenti per incrementare i loro progressi sia dentro che fuori la pista.
Per migliorare ulteriormente l'immersione, i giocatori potranno individuare altre figure chiave nel paddock all'interno delle aree hospitality.
I primi screenshot mostrano il nuovo editor che permette ai giocatori di personalizzare in modo drammatico le immagini dell'esperienza di gara.

[Immagine: 35c39tx.jpg]


[Immagine: dfgb9l.jpg]


[Immagine: 29m1z47.jpg]

I miei album fotografici su Per poter visualizzare i link e scaricare il materiale da SimDrivers devi registrarti cliccando QUI e presentarti alla Community usando QUESTA discussione.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 27-May-2016 16:06 da Nick72.)
27-May-2016 16:05
Tutti i post Add Thank You Rispondi
Nick72 Offline
Moderatore
*****

Messaggi: 2.221
Thanks Given: 0
Thanks Received: 145 in 125 posts
Registrato: Nov 2013
Reputazione: 8
Messaggio: #2
RE: F1 2016 by Codemasters
Se vi interessa l'open beta correte a iscrivervi!
Sono state aperte le iscrizioni per la open beta, per partecipare dovete riempire i campi in Per poter visualizzare i link e scaricare il materiale da SimDrivers devi registrarti cliccando QUI e presentarti alla Community usando QUESTA discussione., è richiesta l'iscrizione al forum Codemasters.
Purtroppo i posti sono limitati, quindi se siete interessati vi conviene muovervi rapidamente, tutte le versioni saranno coinvolte, quindi PlayStation 4, PC e Xbox One.

I miei album fotografici su Per poter visualizzare i link e scaricare il materiale da SimDrivers devi registrarti cliccando QUI e presentarti alla Community usando QUESTA discussione.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 29-May-2016 7:04 da Nick72.)
29-May-2016 7:03
Tutti i post Add Thank You Rispondi
Fabris78 Offline
Amministratore
*******

Messaggi: 1.510
Thanks Given: 120
Thanks Received: 230 in 150 posts
Registrato: Nov 2013
Reputazione: 3
Messaggio: #3
RE: F1 2016 by Codemasters
E minkia grazie Nick!

[Immagine: fab.png]
30-May-2016 16:49
Tutti i post Add Thank You Rispondi
Nick72 Offline
Moderatore
*****

Messaggi: 2.221
Thanks Given: 0
Thanks Received: 145 in 125 posts
Registrato: Nov 2013
Reputazione: 8
Messaggio: #4
RE: F1 2016 by Codemasters
Direttamente dall'E3 di Los Angeles, i primi video gameplay di F1 2016










I miei album fotografici su Per poter visualizzare i link e scaricare il materiale da SimDrivers devi registrarti cliccando QUI e presentarti alla Community usando QUESTA discussione.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-Jun-2016 21:58 da Nick72.)
15-Jun-2016 21:58
Tutti i post Add Thank You Rispondi
Nick72 Offline
Moderatore
*****

Messaggi: 2.221
Thanks Given: 0
Thanks Received: 145 in 125 posts
Registrato: Nov 2013
Reputazione: 8
Messaggio: #5
RE: F1 2016 by Codemasters
F1 2016 ci porta a Baku
Codemasters e Koch Media hanno pubblicato una serie di video di gameplay dedicati a F1 2016, i quali mostrano Daniel Ricciardo e Jolyon Palmer mentre affrontano l’adrenalinico circuito di Baku che ospiterà il GRAN PREMIO D’EUROPA di FORMULA 1 2016. Il nuovo video presenta Daniel Ricciardo di Red Bull Racing e Jolyon Palmer di Renault Sport Formula One Team che si godono il loro primo giro virtuale del circuito cittadino di Baku e danno le loro impressioni sulle strade di questa pista molto impegnativa. Il circuito di Baku prospera su un’atmosfera urbana molto interessante e offre un ottimo mix tra storia e stile del 21° secolo. Il centro storico della città, il bellissimo lungomare e l'imponente architettura si combinano per fornire lo sfondo perfetto per questo nuovo, spettacolare circuito.




Parlando della sua esperienza, Daniel ha commentato: "Non riesco a pensare a niente di simile a Baku ... Per le curve sarebbe necessario il massimo carico aerodinamico ma non è possibile pienamente a causa del lungo rettilineo . Penso che si dovrà sacrificare po 'di grip nelle curve per tenere il passo sul rettilineo. "

A proposito di Baku, Jolyon Palmer, ha spiegato: “Ci sono molte curve pazzesche, alcune tra le più folli di FORMULA 1 come quella a sinistra sulla collina e poi dritta alla cieca sulla destra... E’ facile qui andare contro il muro. E’ molto alta la velocità. La sfida è enorme!” Jolyon ha anche detto che la pratica sul nuovo circuito nel videogioco di F1 2016 prima della gara stessa “…probabilmente mi darà un piccolo vantaggio ” .

Codemasters ha anche annunciato che ci sarà una Limited Edition del gioco disponibile con il pre-order che include il DLC ‘POTENZIAMENTO CARRIERA, che darà una marcia in più ai giocatori nella loro carriera di F1. Offre anche un boost nella “Ricerca e Sviluppo” che applica una percentuale di miglioramento a tutti i credit di ricerca e sviluppo guadagnati dal giocatore in ogni sessione della nuova modalità carriera. Sono compresi inoltre l’Elmetto Carriera ed un design per portatile. Una volta che il giocatore ha selezionato il suo elmetto carriera, il design sarà applicato al portatile localizzato all’interno della hub carriera.

La nuova modalità carriera di F1 2016 immergerà in profondità i giocatori nel motorsport più glamour, emozionante e prestigioso del mondo, sia all’interno che all’esterno della pista. La ricreazione realistica di questo sport sarà ulteriormente rafforzata con l'aggiunta delle iconiche Safety Car e delle Virtual Safety Car ed il nuovo American Haas F1 Team. Ulteriori elementi saranno annunciati nelle prossime settimane. Codemasters ha annunciato che F1 2016 sarà disponibile su PlayStation 4, Xbox One e PC il 19 Agosto 2016.







I miei album fotografici su Per poter visualizzare i link e scaricare il materiale da SimDrivers devi registrarti cliccando QUI e presentarti alla Community usando QUESTA discussione.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 16-Jun-2016 16:19 da Nick72.)
16-Jun-2016 15:56
Tutti i post Add Thank You Rispondi
Nick72 Offline
Moderatore
*****

Messaggi: 2.221
Thanks Given: 0
Thanks Received: 145 in 125 posts
Registrato: Nov 2013
Reputazione: 8
Messaggio: #6
RE: F1 2016 by Codemasters
Codemasters ha rilasciato un nuovo video in anteprima del loro prossimo F1 2016 mostrandoci un giro nel circuito austriaco Red Bull Ring di Spielberg.




I miei album fotografici su Per poter visualizzare i link e scaricare il materiale da SimDrivers devi registrarti cliccando QUI e presentarti alla Community usando QUESTA discussione.
01-Jul-2016 19:14
Tutti i post Add Thank You Rispondi
[-] The following 1 user says Thank You to Nick72 for this post:
Fabris78 (01-07-2016)
Nick72 Offline
Moderatore
*****

Messaggi: 2.221
Thanks Given: 0
Thanks Received: 145 in 125 posts
Registrato: Nov 2013
Reputazione: 8
Messaggio: #7
RE: F1 2016 by Codemasters
F1 2016: multiplayer a 22 giocatori e altre novità
F1 2016, il videogioco ufficiale della FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP 2016, offre un’esperienza ancora più in profondità di questo sport con la possibilità di sfidarsi online fino a 22 giocatori, l’introduzione del Giro di Ricognizione e la partenza manuale. Codemasters e Koch Media hanno pubblicato l’ultimo video di F1 2016 che mostra le nuove funzioni e la grafica del gioco. Il nuovo video di F1 2016 presenta un filmato del gioco che illustra l’azione dal paddock all’area hospitality, il garage, la corsia dei box, il reticolo e la pista.




Disponibile il 19 Agosto per PlayStation 4, Xbox One e PC, F1 2016 porterà l’introduzione del Formation Lap che fa il suo esordio nel franchise permettendo ai giocatori di sperimentare la tensione pre-gara e riscaldare i pneumatici in preparazione per tutte le importanti partenze.
Codemasters ha già annunciato la presenza della Safety Car e della Virtual Safety all’interno del gioco di quest'anno che saranno completate con l'aggiunta della partenza manuale. I giocatori dovranno innestare la frizione e bilanciare i giri mentre aspettano il via. I tempi di reazione sono di vitale importanza per evitare un inizio disastroso partendo troppo presto o rimanendo bloccati sulla griglia.

Il pilota sarà anche in grado di avere il controllo manuale sull’ingresso nella corsia dei box e sulla frenata per minimizzare il tempo perso durante l’entrata nei box. Hanno anche bisogno di frenare in tempo per evitare una penalità per eccesso di velocità in corsia dei box.

Lee Mather, Principal Games Designer, ha dichiarato: “Ci stiamo impegnando a creare un gioco che sia il più vicino possibile allo sport reale. Abbiamo ascoltato il feedback della nostra community che ci ha portato all'introduzione della Safety Car, della Virtual Safety Car, del Giro di Ricognizione, della Partenza manuale e della miriade di altre caratteristiche di gioco che renderanno l’esperienza ancora più realistica per il giocatore. E’ stato estremamente importante per noi incrementare il supporto multiplayer fino a 22 giocatori,” ha aggiunto Lee. “Vogliamo essere in grado di riempire l'intera griglia con giocatori reali per creare quei momenti di grande gara e storia. E’ previsto inoltre un maggiore sostegno per i campionati online.”

La Limited Edition di F1 2016 include il DLC ‘POTENZIAMENTO CARRIERA, che darà una marcia in più ai giocatori nella loro carriera di F1 e comprende inoltre l’Elmetto Carriera ed un design per portatile.

I miei album fotografici su Per poter visualizzare i link e scaricare il materiale da SimDrivers devi registrarti cliccando QUI e presentarti alla Community usando QUESTA discussione.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 07-Jul-2016 16:49 da Nick72.)
07-Jul-2016 16:48
Tutti i post Add Thank You Rispondi
Nick72 Offline
Moderatore
*****

Messaggi: 2.221
Thanks Given: 0
Thanks Received: 145 in 125 posts
Registrato: Nov 2013
Reputazione: 8
Messaggio: #8
RE: F1 2016 by Codemasters
La carriera e altre caratteristiche si mostrano nel nuovo trailer "Comincia il tuo Viaggio"

Codemasters e Koch Media hanno pubblicato oggi un nuovo trailer di gameplay per F1 2016, il videogioco ufficiale della FIA Formula One World Championship 2016, di cui è stata recentemente presentata la nuova modalità Carriera.

Il nuovo video "Comincia il tuo Viaggio" mette in mostra l'azione sia sul tracciato che nella pit lane, ricreando i momenti chiave dell'anno ed evidenziando molte delle caratteristiche principali del gioco. Disponibile dal 19 Agosto per PC, PlayStation 4 e Xbox One, F1 2016 vanta la più approfondita modalità Carriera mai vista nel franchise che permette ai giocatori di creare la loro propria leggenda nel corso di dieci stagioni.

Il giocatore seleziona un avatar e il numero da tenere durante tutta la sua carriera così come il team con il quale vuole iniziare. I giocatori possono spostarsi da un team ad un altro oppure possono decidere di creare una squadra che ambisca alla vittoria del campionato, lavorando con il team di Ricerca e Sviluppo e il proprio agente per raggiungere l'obiettivo.

Tra le novità c'è il Formation Lap, per la prima volta nella storia del gioco, così come la Virtual Safety Car che accompagna anche il ritorno della Safety Car tradizionale. Sono stati inseriti gli avviamenti manuali, dell'ingresso e della frenata manuale nella pit lane. Presente il multiplayer per un massimo di 22 piloti e 21 circuiti ufficiali del Campionato, incluso lo stretto circuito cittadino di Baku, l'ultimo aggiunto nel calendario.

La Limited Edition di F1 2016 include il "Career Booster" DLC Pack, che darà ai giocatori un vantaggio nella loro carriera oltre a Career Helmet e Laptop designs.
Vediamo dunque il nuovo trailer del gioco.





Codemasters inoltre ha pubblicato altri due video: il primo vede protagonista Lewis Hamilton sulla sua MERCEDES AMG PETRONAS al Hungaroring,
il secondo ci mostra un giro veloce di Nico Hülkenberg del Sahara Force India ad Hockenheim.








I miei album fotografici su Per poter visualizzare i link e scaricare il materiale da SimDrivers devi registrarti cliccando QUI e presentarti alla Community usando QUESTA discussione.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 28-Jul-2016 23:31 da Nick72.)
28-Jul-2016 23:30
Tutti i post Add Thank You Rispondi
Nick72 Offline
Moderatore
*****

Messaggi: 2.221
Thanks Given: 0
Thanks Received: 145 in 125 posts
Registrato: Nov 2013
Reputazione: 8
Messaggio: #9
RE: F1 2016 by Codemasters
Un nuovo trailer per la modalità carriera, annunciato il campionato multiplayer.
F1 2016, il videogioco ufficiale della FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP 2016, offre la modalità carriera più immersiva mai vista prima all’interno del franchise. Codemasters e Koch Media hanno rilasciato un nuovo video di gameplay che sottolinea molte delle caratteristiche chiave dell’estesa ed emozionante modalità carriera che raggiunge fino a dieci anni.
Inoltre è stato annunciato che F1 2016 presenterà il Campionato Multiplayer, una nuovissima modalità di gioco che permetterà fino a 22 giocatori di competere gli uni contro gli altri nel corso della stagione. La nuova modalità permette ai piloti di scendere in pista come compagni di squadra o come avversari offrendo la possibilità di giocare con le league.
Nella modalità carriera, i giocatori selezioneranno il loro personaggio, il casco e il numero che li accompagneranno attraverso la loro esperienza in F1 2016.
Dovranno poi selezionare una tra le 11 squadre ufficiali alla quale desiderano unirsi per iniziare il loro viaggio e quale membro del team sarà il loro compagno, prima di scendere in pista per la prima gara della stagione. I team con un grado più alto avranno delle aspettative maggiori per il giocatore.


I giocatori potranno sentire l’adrenalina del giro di ricognizione mentre scaldano i pneumatici, prima di affrontare la difficile partenza manuale, dove dovranno bilanciare i giri e rilasciare la frizione al momento giusto. Se sbagliano potrebbero perdere la partenza e ottenere una penalità.
La strategia di gara è fondamentale per i giocatori negli scontri con i loro rivali. Per i Pit Stop possono scegliere di avere il controllo della corsia dei box, ovvero dovranno frenare al momento giusto per evitare di perdere troppo tempo, ma anche per evitare un eccesso di velocità. La strategia è la chiave, specialmente con le Safety Car e le Virtual Safety Car.
L'azione continua fuori dalla pista, nel Paddock e nelle aree Hospitality. Nel corso della carriera, i giocatori possono decidere come vogliono aggiornare la propria auto consultando l’ingegnere per la ricerca e lo sviluppo sulle aree di miglioramento e per completare i vari compiti durante le sessioni di pratica. E’ possibile aggiornare la squadra in un certo numero di stagioni per farne un titolo sfidante o è possibile negoziare con il proprio agente per spostarsi tra le squadre a farsi strada.

In uscita il 19 Agosto per PlayStation 4, Xbox One e PC (DVD), F1 2016 presenta tutte le squadre, i piloti ed i circuiti ufficiali della FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP 2016, compreso il nuovo ed elettrizzante circuito di Baku ed il team Haas F1. La Limited Edition di F1 2016 include il DLC ‘POTENZIAMENTO CARRIERA, che darà una marcia in più ai giocatori nella loro carriera di F1 e comprende inoltre l’Elmetto Carriera ed un design per portatile.

I miei album fotografici su Per poter visualizzare i link e scaricare il materiale da SimDrivers devi registrarti cliccando QUI e presentarti alla Community usando QUESTA discussione.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-Aug-2016 17:26 da Nick72.)
04-Aug-2016 16:47
Tutti i post Add Thank You Rispondi
Nick72 Offline
Moderatore
*****

Messaggi: 2.221
Thanks Given: 0
Thanks Received: 145 in 125 posts
Registrato: Nov 2013
Reputazione: 8
Messaggio: #10
RE: F1 2016 by Codemasters
Disponibile F1 2016
F1 2016 , il videogioco ufficiale del 2016 FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP , è ora disponibile nei negozi di tutto il mondo per PlayStation4, Xbox One e PC Windows (DVD).



Se v'interessa il nuovo titolo della Codemasters, ma volete farvi un'idea più precisa delle qualità ed eventuali difetti, leggetevi le seguenti recensioni:

Recensione by Everyeye
Articolo a cura di Dario Ronzoni
La Formula 1 secondo Codemasters si rifà il trucco: arriva su PC, Xbox One e PS4 la nuova edizione del simulatore con licenza ufficiale F1.

In ritardo di circa un mese rispetto al predecessore, che approdò sulle nostre console e PC a luglio dello scorso anno, la Formula 1 secondo Codemasters torna a farci visita, con un prodotto che vuole e deve essere la naturale e matura evoluzione di quanto visto nel 2015. Tredici mesi fa, del resto, la serie esordiva su next gen con grandi aspettative da parte del pubblico, speranzoso e al tempo stesso ansioso di vedere dove i Codies sarebbero andati a parare con un brand che cominciava a mostrare un po' la corda. Dell'entusiasmo degli esordi, si parla del 2010, era rimasto poco, tra titoli sempre più appannati e crolli nelle vendite, un panorama che sicuramente non si addiceva al curriculum di una delle software house più amate, con pieno merito, dell'universo racing. L'esordio su PS4 e Xbox One ha purtroppo confermato il trend degli ultimi anni: F1 2015 si è rivelato un prodotto tutt'altro che perfetto, minato da carenze assai evidenti sin dall'offerta di modalità di gioco (assenza della Carriera, weekend di gara solo parzialmente customizzabili, almeno fino all'arrivo di una richiestissima patch), passando per un'AI troppo spesso approssimativa e una grafica che sfruttava solo in parte il surplus di potenza che i nuovi hardware mettevano a disposizione. Tra le debolezze si intravedeva comunque un difficile percorso verso qualcosa di più solido, che si sarebbe concretizzato, ci si augurava, con F1 2016.

Piloti in carriera
Lo hanno più volte ribadito dalle parti di Southam nel corso dei mesi, tra screenshot di anteprima e qualche video: quest'anno abbiamo voluto ascoltare i feedback dei nostri utenti. Ecco perché la reintroduzione della Carriera alla fin fine non stupisce, viste le sollevazioni popolari seguite alla scelta, in F1 2015, di togliere di peso un'intera modalità che rappresenta per molti il cuore di qualsiasi titolo sportivo. Certo, in un gioco su licenza, dove i piloti gestiti dall'AI non possono, per ragioni contrattuali, cambiare team da una stagione all'altra, il realismo sulla distanza ne risente, ma la struttura proposta quest'anno da Codemasters è sufficientemente articolata da stimolare anche l'utenza più esigente. All'inizio sarà possibile scegliere uno qualsiasi degli undici team che compongono la stagione 2016. Ovviamente, ogni team avrà i propri obiettivi da centrare, il che renderà più impegnativo un contratto con la Mercedes piuttosto che un ingaggio con Manor o Sauber. L'hub della modalità Carriera sarà il paddock, dove, tramite laptop, smartphone e colloqui diretti, potremo tenere d'occhio email e contatti vari, oltre a dialogare con la nostra agente e l'ingegnere di pista. È proprio la sezione R&S la novità più interessante: quasi ci trovassimo di fronte a un blando RPG, potremo spendere punti risorse per lo sviluppo di determinate aree tecniche della nostra monoposto, dall'efficienza aerodinamica alla power unit. L'agente ci ricorderà poi con precisione gli obiettivi che il team fisserà di volta in volta per noi, come una posizione minima sulla griglia di partenza o un piazzamento davanti al compagno di squadra. La rivalità con altri piloti, in primis col vicino di scuderia, sarà un altro fattore importante per determinare lo spessore del nostro pilota e, in ultima analisi, la sua appetibilità sul mercato. La Carriera appare così ben strutturata, varia e credibile, un'aggiunta che già da sola fa partire F1 2016 almeno due, tre file avanti nello schieramento rispetto al predecessore.

Una gioia al volante
Per raggiungere la pole position serve però altro, e l'ultimo nato di Codemasters ci mette davvero poco a mostrare le sue carte vincenti. La serie dedicata al Circus iridato fa da sempre della scalabilità uno dei suoi punti di forza, ma mai come quest'anno la software house britannica era riuscita ad accontentare con un solo prodotto una platea così vasta e dalle esigenze diverse. F1 2016 può passare, coi dovuti settaggi, dal ruolo di solido arcade a quello di simulazione godibile al massimo con volante e pedaliera, per quanto non ai livelli di un Dirt Rally (va tuttavia ricordato come un titolo di Formula 1 abbia necessariamente un bacino d'utenza più casual). Togliendo l'assistenza in frenata e il controllo di trazione, la sensazione di avere realmente il mezzo tra le mani si farà concreta, anche con un pad. Parzializzare il gas è sicuramente meno intuitivo con il trigger destro rispetto a una pedaliera, ma Codemasters ha ottenuto un ottimo compromesso tra periferica di gioco e credibilità del modello di guida. Restando in tema simulazione, rispetto allo scorso anno è stata migliorata anche la gestione delle gomme, sia nella scelta dei treni per i weekend, sia per quanto riguarda la progressione dell'usura degli stessi: nel 2015 si assisteva a un comportamento assolutamente random delle gomme, con improvvisi decadimenti nelle prestazioni senza apparenti motivazioni. In F1 2016 tutto è più realistico, sebbene non siano stati introdotti elementi cruciali nella realtà, come il graining progressivo (la superficie delle gomme appare sempre perfetta, anche dopo decine di giri) o lo spiattellamento degli pneumatici in caso di bloccaggio in frenata. I weekend di gara sono stati ricreati alla perfezione, dalle sessioni di prove libere, dove sarà possibile testare diverse configurazioni di assetto ampiamente personalizzabili, alle qualifiche. L'entrata manuale in pitlane, con l'inserimento del limitatore da parte del pilota, aggiunge realismo e un po' di sfida a una sequenza di azioni altrimenti sterile e guidata. Lo stesso vale per la nuova procedura di partenza, con un tasto dedicato alla frizione, da tenere premuto mentre si alzano i giri del motore. Tra le altre novità, il giro di formazione può incuriosire i fan più hardcore, ma non aggiunge nulla all'esperienza di gioco, se non un livello di immersione maggiore. La Safety Car e la Virtual Safety Car, infine, completano il ventaglio di new entry, lasciando qualche perplessità di troppo. Le ragioni del loro utilizzo in corsa sfuggono spesso alla logica: capiteranno incidenti di massa risolti con la sola esposizione delle bandiere gialle, così come semplici ritiri per noie meccaniche che richiederanno, chissà perché, l'entrata della macchina di sicurezza. Se non altro, le penalità che in F1 2015 venivano assegnate con irritante casualità, sono state fortunatamente corrette. Qualche stop and go per contatti con altri concorrenti risulterà ancora un po' troppo severo, ma nell'insieme funziona tutto a dovere. L'AI degli avversari, forse la nota più dolente in assoluto dello scorso anno, è stata sottoposta a un pesante restyling, che non è però riuscito a eliminare tutte le magagne che i giocatori di F1 2015 conoscono bene. Già fin d'ora, in attesa di inevitabili patch prossime venture, i comportamenti dei piloti appaiono equilibrati nelle normali fasi di gara, dalle staccate all'utilizzo ragionato del DRS, ma in caso di incidente capiterà ancora di assistere a poco realistici incolonnamenti di vetture, risolti solo dalla scomparsa letterale del mezzo che provoca l'ingorgo. Su piste particolarmente strette, come Montecarlo, l'effetto "coda al casello" comparirà anche nelle regolari fasi di gara, vista la scarsa propensione dei piloti gestiti dall'AI a tentare sorpassi al limite. Tutto liscio, invece, nei doppiaggi, coi piloti più lenti quasi sempre docili nel rispettare le bandiere blu.

F1 da guardare
Sul versante tecnico, F1 2016 propone una versione riveduta e corretta dell'EGO Engine. Il colpo d'occhio è ottimo, dai modelli 3D delle vetture, fedelissimi alle controparti reali, ai circuiti, tutti realizzati con cura e amore per i dettagli (menzione particolare per la new entry Baku, davvero spettacolare). Il framerate resta solido a 60 fps su PS4, con qualche sporadico calo nelle fasi più concitate, col contraltare dell'ormai classico tearing. In chiaroscuro il modello dei danni: buona la sensibilità delle appendici aerodinamiche anteriori, mentre gli alettoni posteriori non si staccano neppure se colpiti da un bazooka.

Per quanto riguarda la gestione delle collisioni, ci è personalmente capitato di vedere una ruota staccarsi dopo un contatto di muso con un'altra vettura. Insomma, non il massimo della precisione... Il comparto sonoro si avvale delle gradite new entry di Carlo Vanzini e Luca Filippi al commento, mentre la resa dei motori e dei vari effetti ambientali necessiterebbe di una migliore gestione dei volumi, col rombo della power unit spesso coperto da un indefinito tappeto sonoro. Non abbiamo volutamente parlato sin qui del multiplayer, che meriterebbe un approfondimento ad hoc a server aperti e gioco sugli scaffali. Per ora basti sapere che F1 2016 offrirà la possibilità di organizzare intere stagioni mondiali fino a 22 giocatori, come un vero schieramento di partenza.

Conclusione
F1 2016 è migliore del suo predecessore, poche storie. Merito di un ventaglio di novità attese da tutti gli appassionati, come il ritorno della Carriera, una maggior completezza dei weekend di gara, l’inserimento dei pit stop manuali e una nuova procedura di partenza. La Safety Car e la Virtual Safety Car appaiono poco più che scelte cosmetiche, mentre l’affinamento del già discreto modello di guida ha portato a un prodotto in grado di accontentare tutti, dagli utenti casual agli amanti delle simulazioni. Ancora da limare l’AI, comunque migliorata, e il modello fisico, talvolta impreciso e poco realistico.

VOTO 8
----------------------------------------

Recensione by Eurogamer
Articolo a cura di Matteo Lorenzetti
Meglio del 2015, ma non il Dirt Rally in salsa F1 che stavamo aspettando.

Tornare sul mercato con F1 2016, dopo il successo conclamato dello splendido Dirt Rally, non dev'essere stato facile per Codemasters. Anche se sono due giochi di guida dedicati a un pubblico diverso, F1 è un work in progress continuo da ormai sei anni, mentre DR è stato essenzialmente un reboot della serie sviluppato con un approccio indie cruciale nel riportare in auge i codies dopo anni di titoli altalenanti in ambito corsaiolo. L'altalena, riguarda proprio la serie F1 che dopo la partenza atroce del 2010, aveva progressivamente trovato la quadratura del cerchio con F1 2012 ed F1 2013, nonostante una serie di grossi difetti mai risolti del tutto.

F1 2014 fu un titolo di transizione penalizzato dalla scelta di pubblicare solo le versioni old-gen mentre F1 2015 è stato quello delle attese tradite: nonostante l'arrivo delle nuove console e dell'evoluzione dell'Ego Engine che ci aveva regalato una grafica nettamente migliore, vecchie mancanze avevno reso l'edizione passata una nuova occasione sprecata per realizzare il gioco di F1 definitivo. Fortunatamente Codemasters ha ancora altre cartucce da sparare in termini di anni di licenze a disposizione ed eccoci qui a parlare di questa nuova iterazione di un franchise che, nonostante i periodici flame sui forum, gode sempre del fascino riservato alla massima serie automobilistica.

F1 2016 è chiaramente una derivazione del suo predecessore a livello tecnico. Pubblicato su PS4, Xbox One e PC, simula la stagione 2016 con l'arrivo del tracciato di Baku, la sostituzione del Nurburgring con Hockenheim, aggiungendo al parco vetture la scuderia Haas e aggiornando i piloti agli scarsi movimenti dello scorso inverno. Max Verstappen ha già preso il posto di Kyviat in Red Bull, mentre sulla Manor sono arrivati Wehrlein e Haryanto. Quest'ultimo ha appena finito i soldi con cui si stava pagando il sedile e sta per essere sostituito da Esteban Ocon che, almeno per il momento, non è stato introdotto nel gioco. Per quanto concerne le texture e il dettaglio poligonale delle piste, la versione PS4 è ben fatta, ma chiaramente riciclata all'90% da F1 2015. Il motore regge senza problemi i sessanta frame al secondo anche sulle piste più impegnative come Monaco e Baku in partenza e durante le gare. L'interfaccia grafica è stata rinfrescata e anche i tempi di caricamento paiono ottimizzati.

Ma torniamo ai contenuti: dal menu principale è possibile scegliere come affrontare il gioco, se con una gara veloce, un campionato completo standard o PRO (massimo livello di difficoltà, niente aiuti attivati) e le classiche prove a tempo con giri veloci sulle varie piste, in cui ci si deve confrontare con un ghost scaricato dai server centralizzati. Il multiplayer è praticamente la fotocopia di quello dell'anno scorso: è possibile prendere parte a una gara in varie configurazioni che con le collisioni attivate si trasforma nel consueto destruction derby ingiocabile. Molto meglio il campionato completo o personalizzato con qualche amico fidato e le vetture controllate dalla CPU; impostato nel modo giusto può essere fonte di gran divertimento competitivo e cooperativo, soprattutto se chi ospita la sessione è dotato di un'ottima connessione.

La vera novità di questa edizione di F1 a livello di modalità è però il ritorno della carriera, la cui assenza aveva causato feroci critiche in passato e che sicuramente farà la felicità di chi apprezza la possibilità di simulare ben dieci stagioni di fila. La carriera è giocabile in due modi: quello completamente personalizzabile come difficoltà, aiuti al pilota e progressione del week-end e quella Elite che obbliga a disputare ogni stagione senza aiuti e con le gare al 100% della durata. In entrambi i casi si crea un proprio avatar virtuale scegliendo nome, casco, nazionalità e una squadra in cui farlo esordire; nessuna limitazione è posta alla scelta della scuderia, per la gioia di chi in passato era costretto a fare noiose stagioni di gavetta nei bassifondi prima di arrivare eventualmente al top.


A influenzare gli eventi delle gare, che, come per i gran premi secchi o il campionato, possono essere affrontati combinando aiuti alla guida, lunghezza, realismo e soprattutto velocità dei nostri avversari, troviamo le vicende contrattuali del nostro pilota e quelle di ricerca e sviluppo della scuderia per cui stiamo correndo. Il livello di prestazioni dei vari team è reale: iniziando a correre per una squadra di secondo piano come la Toro Rosso ci si ritrova nelle fasi iniziali della stagione a combattere con scarse velocità di punta, aderenza ridotta e consumi maggiorati rispetto ai top team.

Per migliorare le prestazioni si devono acquisire punti di ricerca e sviluppo da investire in cinque aree distinte legate a potenza del motore, consumi e grip meccanico/aerodinamico. Per farlo ci sono essenzialmente due modi: portare a termine i programmi di sviluppo durante le prove libere oppure ottenere piazzamenti minimi in qualifiche e gara secondo gli obiettivi fissati dal team. Si tratta di un mix ben equilibrato tra test in prova e prestazioni agonistiche quando il cronometro conta veramente; non rispecchia la realtà del vero sviluppo di una monoposto di F1, legato essenzialmente alla disponibilità economica delle singole scuderie, ma aggiunge una dimensione supplementare alla progressione della carriera che nei precedenti F1 era solo accennata.

Le vicende agonistiche riguardano ovviamente anche la sfera contrattuale del nostro pilota. È rimasta la dinamica delle rivalità che il gioco ci propone periodicamente con il nostro compagno di squadra o con piloti di altre scuderie che gravitano intorno alla nostra posizione di classifica. Conta quindi il confronto diretto in qualifica, gara e nei tempi sul giro totali e parziali, ma anche quando non ci sono rivalità attive, la nostra performance è sempre sotto la lente d'ingrandimento della scuderia stilando una valutazione che può essere in linea, sotto o sopra le aspettative del team principal. Gli effetti della nostra performance (in negativo o in positivo) sono essenzialmente quattro: ottenere una proposta di rinnovo, la promozione a prima guida con un maggior numero di punti sviluppo a disposizione, ma soprattutto rifiutare una conferma per attendere il possibile ingaggio da parte di un top team. Non è da escludere l'evenienza di essere lasciati a piedi per scarsi risultati ed essere costretti ad emigrare verso un team di fondo griglia.

La carriera è quindi abbastanza ben strutturata e anche se non ci si possono aspettare chissà quali colpi di scena, è un buon incentivo ad essere giocata a fondo. Fondamentale è la scelta della scuderia iniziale, del livello di difficoltà e della personalizzazione dei fine settimana di gara; le possibili combinazioni sono numerose, dal partire con una Manor per farsi notare dai team in cima alla catena alimentare, all'arrivare al podio con una Toro Rosso (Verstappen docet) o sedersi subito dentro una Mercedes al livello di difficoltà leggenda e provare a stare dietro a Luigino Hamilton. Le novità non si limitano alle modalità, ma ci sono anche alcune innovazioni legate alle dinamiche di gara che arricchiscono il gameplay, alcune di esse richieste a gran voce da tempo dagli appassionati.

La prima è la partenza: ora il gioco simula lo stacco frizione facendo tenere il piede premuto sull'acceleratore e la prima marcia già innestata. Sbagliandola si becca un drive-trough automatico, un buon salto in avanti rispetto agli start in fotocopia partenze fotocopiate del passato. Ottima è anche l'introduzione del drive-trough quando si arriva sparati in corsia box: la percorrenza della pitlane è sempre gestita dalla CPU, ma arrivare infrangere il limite sulla linea d'ingresso box significa compromettere una gara che solo l'entrata di un'eventuale safety car può farci recuperare. A proposito di Safety Car, dopo quella virtuale che abbiamo visto in occasione dell'anteprima, abbiamo assistito all'ingresso in pista anche a quella reale a SPA (vedi filmato) e a Suzuka. Nonostante abbiamo causato di proposito una decina d'incidenti, non siamo riusciti a capire secondo quale criterio il gioco scelga di fare entrare la safety o si limiti a quella virtuale. Dopo i timidi tentativi del passato, la sua reintroduzione è comunque più che benvenuta.

Sul fronte della strategia, è stata effettuata una buona riproduzione delle gomme sia nel simulare i treni a disposizione gara per gara, sia introducendo la nuova mescola ultrasoft. Prima di ogni week-end al giocatore è concesso di scegliere tra tre diverse strategie in termini di treni di gomme a disposizione tra aggressiva, equilibrata e conservativa che permette di avere a disposizione più o meno treni di gomme di mescola morbida. Un'innovazione fondamentale che, esattamente come nella realtà, cambia notevolmente l'approccio a qualifica e gara rendendo i gran premi disputati al 100% della distanza molto più vari rispetto alle strategie quasi obbligate dei capitoli precedenti.


Anche il modello di danni è stato leggermente migliorato: impostandolo livello simulativo è un attimo finire la gara per un incidente anche banale che tuttavia non porta più al distacco delle gomme come in passato, simulando la gestione dei cavi di ritenzione dei cerchi. Gli alettoni si rompono in vari modi, mentre invece i danni alla scocca e alle pance sono ancora solo accennati, per quanto in seguito agli impatti tra vetture si stacchino pezzi di carrozzeria in funzione cosmetica. Infine, anche se puramente estetico, degno di nota è il modello d'illuminazione dinamico rispetto agli orari di gara: si può stabilire l'ora d'inizio di prove, qualifiche e gara durante la creazione di un campionato o week-end personalizzato gareggiando di prima mattina o all'imbrunire. Nessuna novità invece per quanto riguarda il maltempo, che era comunque ben realizzato già dai tempi di F1 2013.

Insomma, le migliorie non mancano e sono ben implementate, a conferma di come l'approccio di Codemasters all'evoluzione progressiva del suo prodotto abbia finalmente tenuto conto anche dei desideri degli appassionati. Anche se il miglioramento rispetto a F1 2015 è evidente, permangono i difetti cronici della serie che gli impediscono di tramutarsi in un acquisto obbligato, soprattutto da parte di chi possiede un volante e schiuma da anni per un gioco di guida di alto livello su licenza di Formula 1. Il più evidente riguarda il modello di guida senza aiuti: la serie si conferma chiaramente un portabandiera nell'ambito dei simularcade più classici, ma dopo aver premiato Dirt Rally come il capolavoro della rinascita Codemasters, ci attendevamo qualcosa di più dal team di sviluppo di Birmingham in questo senso.

Non è infatti cambiato molto rispetto a dodici mesi fa: se la guida da joypad è divertente e accessibile a tutti con i giusti aiuti attivati, quella da volante risente delle pecche di un force feedback che "parla" poco in relazione alle frenate e fa sentire bene solo i cordoli. I sovrasterzi sono resi meglio, ma lascia un po' perplessi il motivo per cui questi s'innescano anche quando si carica l'ala posteriore o si ammorbidisce il retrotreno (la curva 4 del Canada o la 2 del Bahrein sono solo due dei numerosi esempi) al punto da apparire un po' artificiali.

Anche quest'anno la frenata è ottimamente riprodotta, mentre la trazione ancora no e va gestita sempre tenendo l'aiuto a medio: non si capisce perché non esiste un'opzione di controllo trazione "leggero" che potrebbe simulare le mappature della centralina che i team usano per aggirare il divieto di traction control aiutando i piloti nella guida. Disattivandolo del tutto la vettura diventa irrealisticamente difficile da gestire sull'asciutto rendendo improbabile la competizione con l'IA agli alti livelli di difficoltà: sul bagnato poi è semplicemente impossibile dare gas senza girarsi anche andando a lavorare sulle opzioni di linearità e saturazione dell'acceleratore.

Lavorando sodo sull'assetto si ha la possibilità di limitare questi difetti, ma rimane l'impressione che le vetture si comportino sempre allo stesso modo sulle stesse piste come tenuta e velocità di punta a prescindere dal setup impostato. Un esempio? A Monza si toccano i 360 all'ora in fondo al rettifilo principale ma con lo stesso profilo alare e carburazione non si può fare la stessa cosa su quelli di Sepang o Barcellona. Altre magagne permangono: l'aggressiva intelligenza artificiale è sempre protagonista di gare tirate, soprattutto agli alti livelli di difficoltà, ma la sua irruenza la porta ogni tanto ad esagerare quando è dietro di noi di mezza macchina, agganciandoci al retrotreno in caso di nostri cambi di traiettoria nemmeno troppo repentini.

Anche i doppiaggi alle volte creano ancora qualche ingorgo, sopratutto alla CPU che si raccoglie in trenini prolungati dietro a vetture lente in particolare sui cittadini più stretti. Infine, nell'era dei motori ibridi per eccellenza, avremmo gradito anche qualche opzione in più da attivare in gara o qualifica per gestire potenza usando l'energia delle batterie in caso di bisogno. Le regolazioni si limitano all'attivazione di DRS, carburazione, ripartizione di frenata e al differenziale. Per fortuna l'ottimo sistema di cattura vocale per il dialogo con i box compensa la lacuna e permette di ottenere parecchie informazioni in tempo reale relative all'andamento della gara.


Complessivamente questo F1 2016 è quindi un buon passo in avanti rispetto alla cocente delusione di un anno fa, ma non è ancora il gioco di guida di F1 definitivo che molti si aspettavano. Il ritorno della modalità carriera è gradito così come sono apprezzabili tutte novità relative alle meccaniche di gara, in particolare la safety, la scelta gomme per l'intero week-end e i drive-trough. Dopo una trentina di ore di gameplay non abbiamo scoperto bachi particolarmente gravi, e l'impressione è che questa build sia meglio rifinita rispetto al passato. Il minimo per un gioco che riprende la quasi totalità degli asset e dinamiche della versione precedente.

L'opera di riciclaggio svolta sul modello di guida rimane il maggior punto debole di questa produzione che ha bisogno di una rinfrescata capace di fargli fare quel salto di qualità capace di incoronarlo come il gioco di F1 definitivo. Un compromesso al livello di quanto fatto con Dirt Rally sarebbe l'ideale per far arrivare alla giusta consacrazione un franchise che dal 2010 riesce a soddisfare le aspettative di chi ha intenzione di giocarlo da pad ma non quelle di chi ha investito in un volante e una pedaliera e desidera un maggiore coinvolgimento. I primi ci facciano più di un pensiero, i secondi valutino con attenzione l'acquisto in base alla loro crisi d'astinenza da circus iridato.

VOTO 7
----------------------------------------

Recensione by Multiplayer
Articolo a cura di Rosario Salatiello
L'ottava edizione della Formula 1 secondo Codemasters riporta con sé l'agognata Carriera: ecco la recensione di F1 2016

Nel mondo videoludico i momenti di transizione sono estremamente delicati. Gli equilibri stabiliti nel corso di una generazione possono essere stravolti col passaggio alle nuove piattaforme, costringendo gli sviluppatori a compiere scelte talvolta drastiche. Il problema viene accusato soprattutto dai team impegnati con franchise che propongono uscite annuali, come i tanti sportivi che popolano il mercato: tra questi troviamo anche F1 2016, su cui finalmente tiriamo le somme oggi con la nostra recensione. Un anno fa, la simulazione targata Codemasters arrivò infatti sul mercato orfana della modalità Carriera, la più amata dai fan, deludendo così in modo amaro chi aspettava con ansia di vedere il primo capitolo della serie F1 ad arrivare su PlayStation 4 e Xbox One. Raccogliendo i feedback dei tanti appassionati di Formula 1 e approfittando di un'annata abbastanza calma nell'evoluzione del regolamento del campionato reale, gli sviluppatori di Codemasters hanno potuto dedicarsi a riportare la loro creatura ai vecchi fasti: dopo le buone impressioni raccolte negli ultimi mesi, è finalmente arrivato il momento del verdetto finale.

ATTACCO ALLA VETTA
La grande protagonista di F1 2016 è dunque la modalità Carriera, tornata con alcune novità che rendono ancora più coinvolgente e appagante l'esperienza del giocatore rispetto al passato. L'intervallo di tempo in cui il nostro pilota potrà provare a entrare nella leggenda della Formula 1 è ora pari a dieci stagioni, partendo da quella che è una libera scelta tra le varie scuderie che popolano il campionato di quest'anno. I limiti del passato in tal senso sono quindi stati definitivamente superati, permettendo al giocatore di scegliere sin da subito di sedere in una Mercedes o una Ferrari. Selezionare una scuderia di vertice vuol dire però avere a che fare con delle pretese più severe da parte del team, intenzionato a vincere il campionato in tempi brevi. Al contrario, chi decide di popolare le retrovie può permettersi un approccio più rilassato, anche se in un mondo in cui la velocità è tutto, adagiarsi sugli allori è decisamente l'ultima cosa da fare. Non a caso, anche nelle scuderie minori sin dalle prime battute vivremo sempre una rivalità con il nostro compagno di squadra, destinata a influenzare le scelta del team sulla prima guida e il modo in cui il nostro pilota viene visto all'esterno. Tornando alla partenza, una volta scelti tutti i dettagli del nostro alter ego virtuale ci ritroviamo all'interno del paddock, luogo in cui nella Carriera si svolgono tutte le attività esterne alla corsa. Sotto l'aspetto "ruolistico", bisogna dire che la modalità proposta da F1 2016 non è paragonabile a quella di NBA 2K: visti gli standard ai quali proprio la serie cestistica ci ha abituato, la cosa potrà forse far storcere il naso a qualcuno. Il tempo in cui entreremo in conferenza stampa per rispondere alle domande dopo aver vinto un Gran Premio è quindi rimandato, sperando che l'anno prossimo F1 2016 si evolva in tal senso. Quanto presente ora al di fuori della corsa è legato a due figure con cui interagire: l'agente e l'ingegnere capo. Il primo è destinato a guidarci nel corso della carriera per destreggiarci tra le eventuali offerte di contratto che arriveranno, mentre il secondo ci accompagna attraverso le migliorie della divisione di ricerca e sviluppo della scuderia attuale. Dalla stessa schermata, accedendo al PC portatile del pilota è possibile consultare tutti i dati sulla stagione in corso e sugli obiettivi conseguiti in carriera, insieme a dei tutorial che Codemasters ha messo a punto a beneficio dei neofiti. Come vedremo anche più avanti, l'obiettivo di F1 2016 resta quello di attirare a sé quante più persone possibile, dai meno esperti fino a chi del weekend di gara non vuole perdere neanche un attimo. Proprio per soddisfare la sete di vivere tutto ciò che compone il Gran Premio risulta particolarmente interessante la scelta d'inserire una serie di obiettivi per le prove libere, rese quindi una parte integrante della crescita del giocatore insieme alla sua scuderia. Tramite una serie di prove d'abilità, concentrate su conoscenza del circuito, consumo delle gomme e giro veloce, si possono raggiungere i traguardi proposti dal team; in questo modo, si accumulano accumulare punti risorse da spendere quando ci si trova davanti al suddetto PC per far progredire la monoposto. Si ha così l'impressione di lavorare davvero insieme al proprio team d'ingegneri, scegliendo insieme a loro gli aspetti da sviluppare. Dopo la doverosa descrizione della Carriera, elenchiamo brevemente le altre modalità di F1 2016: si tratta di una lista classica per un titolo di guida, in cui non compare lo schermo condiviso locale. È dunque possibile decidere se disputare una prova a tempo, un singolo Gran Premio o una stagione, oppure buttarsi nella mischia via Internet. A causa della scarsa popolazione dei server nei giorni precedenti all'uscita del gioco non ci è stato possibile provare quanto avremmo voluto la modalità online, che quest'anno permette di disputare partite composte da un massimo di 22 giocatori. Le sessioni multiplayer che abbiamo giocato, in compagnia di un numero di giocatori inferiore, non hanno comunque dato problemi di sorta, confermando la solidità di questo comparto. Segnaliamo anche la possibilità di dare vita a un campionato intero online, con lo stesso numero massimo di giocatori riportato sopra.

A TUTTA VELOCITÀ
Come dicevamo nell'introduzione, rispetto alle novità degli ultimi anni in questo 2016 la Formula 1 ha introdotto elementi minori all'interno del regolamento, permettendo a Codemasters di riguadagnare terreno. Torna così la Safety Car, altra grande assente dell'anno scorso insieme alla sua omologa virtuale, ormai entrata pienamente tra le regole: in regime di VSC, i piloti devono rispettare un limite di velocità stabilito da un delta, senza incolonnarsi dietro alla famosa vettura grigia. Tra le novità di F1 2016, segnaliamo la presenza del giro di formazione e quella della cosiddetta partenza manuale, in cui il pilota è chiamato a sfoggiare tutto il suo tempismo per ottenere il giusto spunto allo spegnersi delle cinque luci rosse, stando attento allo stesso tempo a non effettuare una partenza anticipata. Le dinamiche del gioco sono di sicuro semplificate rispetto a quelle reali, ma questo comunque non va a inficiare la soddisfazione che è possibile ottenere con uno scatto indovinato sulla griglia. Una volta effettuato il via, F1 2016 dimostra di avere ormai ampiamente digerito il passaggio di due anni fa al motore V6 delle monoposto, presentando un modello di guida simile a quello del 2015 in attesa delle modifiche sensibili che verranno invece effettuate nel 2017. Sotto questo aspetto si continua quindi sulla scia tracciata l'anno scorso, quando abbiamo avuto modo di apprezzare le qualità del gioco in termini di scalabilità. Come già accennato, F1 2016 propone una serie di parametri in grado di soddisfare tutti i tipi di giocatori, da chi col joypad in mano ha necessariamente bisogno di qualche aiuto per non ritrovarsi fuori a ogni curva a chi invece con un volante vuole sperimentare tutto il brivido della velocità senza che la CPU ci metta il suo, o comunque limiti al minimo il proprio intervento. Per andare alla ricerca del millisecondo si ha la possibilità di scegliere vari parametri tecnici, come il set di gomme più adatte alla pista e alla situazione atmosferica, analizzando poi le proprie prestazioni su una serie di dati telemetrici semplici da consultare. Ai cinque assetti base proposti da F1 2016 è possibile affiancare anche alcune soluzioni definite in proprio, accentuando così l'aspetto simulativo di un titolo che fa della versatilità uno dei propri pregi. Così come DiRT Rally, anche F1 2016 dimostra che Codemasters sembra aver finalmente trovato la strada giusta con la sua filosofia "simcade", riuscendo a divertire tutti quanti con qualche necessario compromesso. In quest'ottica sono perennemente sotto osservazione i danni, rivisti dagli sviluppatori per essere più realistici: nonostante gli evidenti passi in avanti, resta ancora qualche dubbio dovuto a un'eccessiva resistenza delle sospensioni, anche al livello più simulativo. L'intelligenza artificiale ci è sembrata abbastanza adeguata sia nel comportamento degli altri piloti, sia nel gestire le situazioni di taglio in curva e altre furbate, prontamente rilevate tramite avvertimenti e sanzioni. Per fortuna anche stavolta l'uso del DualShock 4 non toglie divertimento al gioco, anche se l'uso di un volante può sicuramente garantire immedesimazione e miglior controllo dando modo di raggiungere un livello di sensibilità non ottenibile col controller.

BENVENUTI A BAKU
La costosa licenza della Formula 1 permette naturalmente a F1 2016 di essere aggiornato sotto ogni aspetto al campionato in corso, contraddistinto dalla presenza di 11 diverse scuderie e 22 piloti. In aumento anche il numero di circuiti, arrivati a 21 grazie all'introduzione del nuovo Gran Premio d'Europa disputato a Baku, in Azerbaijan. Il circuito cittadino aggiunge ulteriore suggestione al vasto insieme di piste già presenti all'interno del campionato, già impreziosito da diverso tempo dalla gara notturna di Singapore.Il motore grafico usato è lo stesso dell'anno scorso, l'EGO 3.0, sul quale Codemasters ha svolto un lavoro di ottimizzazione che consolida la tenuta del framerate ai 60 fps già raggiunti con F1 2015. In termini d'impatto visivo, pur ottenendo progressi F1 2016 non colma il gap della serie con altri titoli di guida come Project Cars, ma riesce comunque a ottenere un risultato discreto facendo ancora una volta buon uso di antialiasing e blur. Capita ancora di avvistare del tearing, ma si tratta di un evento piuttosto sporadico. Al contrario, è costantemente apprezzabile la maggior rifinitura degli elementi che fanno da contorno alla pista, come il pubblico e gli edifici. I modelli dei piloti sono purtroppo al di sotto di quelli a cui ci hanno abituati altri titoli sportivi coi loro protagonisti, ma il risultato è comunque accettabile a differenza di quello delle animazioni, a nostro avviso interamente da rivedere. Sia i movimenti dei personaggi nelle scene d'intermezzo, sia la varietà di queste ultime lascia abbastanza a desiderare: alla fine di ogni Gran Premio si assiste quasi sempre alla stessa sequenza animata, compreso l'evento della premiazione. Un qualcosa ai limiti del fastidioso, che fortunatamente viene bilanciato da un'ottima presentazione dei vari circuiti. A questo proposito, chiudiamo con una nota riguardante la traduzione nella nostra lingua, supportata in tutti gli aspetti del gioco: al commento troviamo l'accoppiata televisiva composta da Carlo Vanzini e Luca Filippi, che dimostra di cavarsela bene anche nel videogioco.

CONCLUSIONE
Dopo l'ottimo DiRT Rally, Codemasters rimette in pista pure F1 2016. Anche se alcuni dei vecchi contenuti non sono ritornati, l'incidente di percorso di un anno fa sembra ormai una cosa completamente dimenticata, col ritorno della modalità Carriera e l'introduzione di qualche altro elemento nelle meccaniche di gioco. F1 2016 è senza dubbio il miglior titolo dedicato alla Formula 1 da un bel po' di tempo a questa parte, ed è quindi da prendere a occhi chiusi se non perdete neanche una gara di Hamilton e colleghi. Se invece questa categoria automobilistica non vi fa impazzire, il genere di guida vi propone altre alternative.

VOTO 8,5

PRO
Adatto ai novizi come ai più esperti
Consolidato in ogni aspetto
Carriera lunga e coinvolgente...
CONTRO
...ma oltre alle corse c'è poco
Tecnicamente ancora migliorabile
Mancano alcuni dei vecchi contenuti

I miei album fotografici su Per poter visualizzare i link e scaricare il materiale da SimDrivers devi registrarti cliccando QUI e presentarti alla Community usando QUESTA discussione.
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 19-Aug-2016 11:00 da Nick72.)
19-Aug-2016 10:59
Tutti i post Add Thank You Rispondi
Rispondi 


Discussioni correlate...
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
  Raceroom Racing Experience: Volvo S60 TC1 WTCC 2016 a Monza speedpn 1 1.012 15-Apr-2017 0:06
Ultimo messaggio: Fabris78
  F1 2015 By Codemasters Nick72 12 4.777 18-Mar-2016 9:28
Ultimo messaggio: Nick72

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)